top of page

Grandine, nel foggiano distrutti campi di pomodori e a Verona la pioggia colpisce le ciliegie



Grandine con la consistenza di palle da tennis si è abbattuta nella giornata di domenica sui campi di pomodoro e sui vigneti nel foggiano, dopo la micidiale grandinata dei giorni scorsi in Salento che ha azzerato gli ortaggi in pieno campo e quella sui campi di grano ad Altamura che ha allettato le spighe in pochi attimi. A darne notizia è Coldiretti Puglia, dopo la grandinata disastrosa che rischia di mettere pesantemente a repentaglio la produzione di pomodoro nel foggiano e i vigneti, per cui appena i campi torneranno ad essere praticabili saranno attivate tutte le verifiche tecniche del caso. 

La grandine – sottolinea la Coldiretti Puglia - è l’evento climatico avverso più temuto dall’agricoltura in questa fase stagionale per i danni irreversibili che provoca alle coltivazioni in campo, perché colpisce frutta e ortaggi in modo da provocarne la caduta o danneggiandoli in modo tale da impedirne la crescita o lasciando deformazioni tali da renderli non adatti alla commercializzazione. Un evento climatico avverso che – precisa la Coldiretti regionale – si ripete sempre con maggiore frequenza ma a cambiare è anche la dimensione dei chicchi che risulta essere aumentata considerevolmente negli ultimi anni con la caduta di veri e propri blocchi di ghiaccio anche più grandi di una palla da tennis.

Siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che – insiste Coldiretti Puglia – si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi con perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne. 

Sono disastrosi gli effetti sui campi della tropicalizzazione del clima che azzera in pochi attimi gli sforzi degli agricoltori che perdono produzione e al contempo subiscono – denuncia Coldiretti Puglia - l’aumento dei costi a causa delle necessarie risemine, ulteriori lavorazioni, acquisto di piantine e sementi e utilizzo aggiuntivo di macchinari e carburante. 

L’agricoltura è l’attività economica che più di tutte le altre vive quotidianamente le conseguenze dei cambiamenti climatici, ma è anche il settore più impegnato per contrastarli – conclude la Coldiretti  Puglia – si tratta di una nuova sfida per le imprese agricole che devono interpretare le novità segnalate dalla climatologia e gli effetti sui cicli delle colture, sulla gestione delle acque.

Ciliegie spaccate dalle piogge, foto Confagricoltura Verona

Ancora forti piogge: ciliegie, mais e fieno ne fanno le speseMais e fieno, oltre alle ciliegie, sono le vittime principali delle piogge intense e continue che hanno caratterizzato, oltre al mese di maggio, anche i primi giorni di giugno.

Per le ciliegie la situazione è già in gran parte compromessa. “A causa del maltempo abbiamo perso la maggior parte delle precoci - dice Francesca Aldegheri, presidente dei frutticoltori di Confagricoltura Verona – ma speravamo che il tempo si aggiustasse come era accaduto lo scorso anno. Invece altri quindici giorni di pioggia, uniti a sbalzi di temperatura e grandine, hanno guastato anche le varietà medie, con danni del 50-60%. Quindi una produzione che sarà quantitativamente scarsa, con una raccolta molto più difficoltosa e laboriosa a causa del certosino lavoro di selezione. Quindi costi più elevati rispetto alle annate normali, a fronte di quantitativi ridotti. Pare che da mercoledì il tempo migliori e si apra una fase di stabilità. Speriamo che sia davvero così, perché ci sono ancora molte varietà da raccogliere e perché il caldo e il sole possono anche spingere i consumi”.



Fonte: Lecce.coldiretti.it e Confagricoltura Verona

Post recenti

Mostra tutti

La FSRU Toscana ha lasciato il porto di Genova

Dopo i primi interventi a San Giorgio del Porto, il terminal di rigassificazione di OLT Offshore proseguirà i lavori di manutenzione presso Chantier Naval de Marseille Come previsto, la FSRU Toscana,

Comments


bottom of page